Matteucci Lionello

Matteucci Lionello

Biography of Lionello Matteucci "Lioma"

Born in 1950, I live and work in Verona, beautiful city of Italy.
I made my first artwork with recycled materials in 1965,  for a school art competition.
I am an admirer of Pop Art, and of Enrico Baj, and of the Futurism.
The attendance of some artists has enriched my knowledge in art; I want to remind Carlo Sessa that teach me the rudiments of wooden sculpture and also my friend Claudio Ciancia, in his atelier in Milan we talked about radon and fractals, together a glass of wine, and bread with salami.
I always created, in the short time available, artworks using waste materials; artworks that I have always given to friends. I liked to revive old useless objects creating decorative artworks.
Now I have more time to create artwork.  I usually use in my aryworks : sands, resins, and various types of dust, metal filings, sometimes mixed with each other and fixed with adhesives and gels.
Other materials that use to produce my artworks : appliances, hi-fi equipment, waste blacksmith, carpenter, mechanic, picked or dug in Murano glass, clocks, old radios, mirrors, pieces of furniture, keys, cutlery, boxes, caps of various origins, hardware and stones.
Hardware and electrical components, are always new, to prevent rust, and security issues. All electrical circuits are provided with earthing.
Where possible the colors are water based and ecological, mostly scraps or redundancies of a paint man.
All artworks are unique, signed and delivered with a certificate of origin.

DICONO DI ME.
Tutta la produzione artistica di Lionello Matteucci e' caratterizzata dall' utilizzo di materiali di riciclo : attraverso un attento processo di ricerca e selezione dei pezzi da utilizzare crea delle opere estremamente varie e raffinate.
Grazie ad una grande fantasia assembla e costruisce dei lavori molto originali, dove ogni componente ed ogni dettaglio non sta al caso ma segue un preciso pensiero compositivo :l' attenzione non e' volta solo alla forma finale ma anche alla cromia e alla componente dei materiali, in modo da arrivare ad un risultato vivace e realistico.
Grazie a degli studiati meccanismi magnetici , molti dei suoi lavori diventano interattivi e coinvolgono il pubblico in processi di smontaggio e trasformazione.
Una parte della sua produzione ruota attorno ad una storia immaginata, ambientata nel futuro dove i personaggi e le creature da lui creati diventano protagonisti di avventure ed episodi fantastici.
Una buona capacita' manuale gli permette inoltre di creare pezzi piu' vicino all' artigianato , con una precisa funzione come ad esempio lampade , specchi, e piatti originali.

UNA VISITA A LIOMA.

recensione di Raffaele Valbusa
Fare visita a Lionello significa addentrarsi in un mondo a parte, a metà tra lo sgabuzzino di un trovarobe patologico e la bottega di un geniale artista visionario.
Già all'ingresso ci si imbatte in innumerevoli oggetti accantonati per un futuro uso.
Entrando, si apre una porta sulla fantasìa più sfrenata.
A parte un esiguo spazio per muoversi con cautela, tutto il resto è occupato da decine di creazioni di ogni genere e scaffali e cassetti contenenti altre scorte di materiali.
Tutte le opere, infatti, sono realizzate riutilizzando, si può dire reinventando ed assemblando le cose più disparate, dalle comuni posate ai meccanismi di elettrodomestici, ai cuscinetti a sfere e fino a ceppi e radici di legno.
Ci si ritrova circondati da inquietanti creature meccanizzate o frutto di qualche sconosciuta linea evolutiva, astronavi, strani mostri, personaggi da "cartoon" ed oggetti della quotidianità ricreati con un suggestivo senso del "design", e buona parte di questi sono pensati per un utilizzo pratico, e dotati di parti in movimento e luci e in qualche caso perfino di accessori...Lionello, l'ospite/artista è un personaggio "sui generis", un po' gnomo maligno, un po' fricchettone, un po' orso, un po' istrione.
Ti accompagna e ti guida in questa visita, ti introduce alle sue fantasìe, all'idea che sta all'origine del suo lavoro, ai progetti che ha in corso ed agli sviluppi ancora da realizzare, alle persone con cui collabora e scambia idee.
Il tutto servito con l'entusiasmo e la passione di chi ha reinventato se stesso, oltre agli oggetti di ricupero che utilizza.
Ci salutiamo, alla fine della visita, come gli amici ormai ventennali che siamo, non prima di aver reso visita ai gatti che signorilmente dormono e ci ignorano.

Contact the Artist Lionello Matteucci "Lioma"

You can send Lionello Matteucci "Lioma" a message using the contact form