Biografia di Enyor

Nasce il 12.8.1954 nella città di Přerov in Cecoslovacchia.
Fin da bambino si dedica alla pittura con una passione speciale. A soli quindici anni iniziò a dipingere ad olio, tecnica che non avrebbe mai abbandonato.
In Cecoslovacchia sotto il regime comunista era quasi impossibile esporre le opere, quindi partecipa a mostre solo dopo il cambiamento del sistema politico nel 1989.
Partecipa a due grandi mostre nella città di Olomouc, una importante città storica della Moravia nella Repubblica Ceca. La prima mostra nel 2006 presso la Galleria Caesar, una delle migliori gallerie della Repubblica Ceca per programma e qualità delle opere esposte. La seconda mostra nel 2014 presso la Galleria di Olomouc, importante galleria della stessa città.
Nel 2003 espone anche all'Europa Forum, a Monaco in Germania.
Partecipa a diverse mostre e collettive nazionali nella Repubblica Ceca ed internazionali in Germania.
Le sue opere sono state elogiate da un noto critico e collezionista ceco Dr. Arsén Pohribný, che ha anche acquistato alcune sue opere per la sua collezione privata.
Ora si dedica alla sua pittura con una passione profonda, facendo un sapiente utilizzo dei colori accesi, con motivi figurativi, e lavorando anche in una serie di nudo femminile, con un suo punto di vista artistico nuovo ed inaspettato.

Recensione critica del Prof. Dr. Arsén Pohribný, critico d'arte e collezionista
Sembra che in alcune personalità ci siano forze pulsanti, in grado di trasportare in fantastiche distanze di milioni di anni luce e tuttavia rimanendo sulla Terra.
Sulla Terra meschina e dannata, sulla Terra dei desideri insensati e delle vane aspettative, seducendoci e commuovendoci.
La luce è una di quelle forze, composta da miracolose combinazioni di colori.
"È inverno adesso", dice l'artista, "ed i colori stanno apparendo da qualche parte dentro l'uomo che è in grado di tirarli fuori solo se riesce a sentirli dentro di sé."
Ed è proprio lui che ha scoperto un pianeta di colorati vagabondaggi, il suo secondo mondo che può invocare dipingendo grazie alla sua fantasia e ad un raro temperamento drammatico.
Non ha quasi nulla in comune con i rifugi di un idillio arcadico.
Emanano da configurazioni simboliche, dal loro flusso di pietre preziose e nascono da ondate di oceani antroposofici o si nascondono tra le barriere coralline dei sogni.
"Il fenomeno del sogno mi affascina sempre personalmente", dice l'artista. “È la posizione del sogno che si adatta alla mia creazione.
Non mi interessano gli oggetti che posso vedere in sogno, ma piuttosto la sensazione che sta dietro di loro.
E esprimendolo a colori! Dimentichi la trama del sogno, ma rimane una sensazione per la quale non ci sono parole.
Un momento che assomiglia a questa sensazione sorge solo nel livello dell'immaginazione. E il colore è in grado di esprimere tale contiguità ".
Il gioco con il messaggio della colorazione planetaria è, infatti, un dialogo con la pittura.
“Lo inizio come una specie di battaglia, non sapendo come andrà a finire. È una questione di intuizione.
Solo a volte, ho una certa idea ..., ma un elemento di qualcosa di inimmaginabile, impercettibile si insinua sempre. "
–Si stanno formando eventi di colore, suggerendo l'unità dell'universo.
Una grande rivelazione di spontaneità generativa sta crescendo attraverso la sovrapposizione di forme di colore di contrasto e rappresentazioni di contatto.
La riserva di Eros esplode vulcanicamente, cascate di colore si riversano oltre la soglia della coscienza.
La miscela del sensuale e dell'immaginario, più ingoia l'indicibile, più è delirante nei puzzle, mentre si dirige verso le profondità dei segreti del colore.
–Il dialogo con la pittura assume la polifonia d'organo. Una delizia inebriante e liberatoria si fonde con un significato minaccioso.
Le minacce e le ansie attuali sono crittografate qui? Inoltre, in un linguaggio di colori che sfugge alla nostra comprensione ...